Il pensionato era morto  un mese dopo il sinistro

Il pensionato era morto un mese dopo il sinistro


(L.I.) Avrebbe dovuto accorgersi in tempo dell'anziano che stava attraversando la strada e azionare il sistema frenante. È accusato di omicidio colposo l'autista del metrobus Massimiliano Carletto, 48 anni, residente a Casalserugo (avvocato Mirko Arena). La Procura gli contesta una condotta negligente e imprudente nell'incidente in cui ha perso la vita il novantunenne pensionato Gino Marcato. Era accaduto il 21 luglio 2014, attorno alle dieci del mattino, in via Aspetti, ai piedi del cavalcavia Borgomagno. Gino Marcato non si era...

Leggi l'articolo e l'edizione digitale del Gazzettino

Condividi questo articolo

Accedi ai servizi del Gazzettino